La posta del " Mondo Secreto „

 

R. O. Venezia. — Volete sapere da me perché 1'uomo studia la Storia delle precedenti generazioni quando la filosofia dell'assoluto insegna a isolarsi dall'umanità. Eccovi la risposta: leggete nella Ricerca di Milano una mia lettera nella quale io dico che il ricordarsi del passalo, di ciò che fummo, è sapere la verità. Questo per l'uomo e per la società umana. Inoltre la gloria dei grandi periodi non insegna che la vita di un uomo è povera cosa e che la vita dello spirito umano è eterna. Riflettete.

OSTER. Pisa.— Il Gallo è simbolo del Sole, di Lucifero e di Pluto, e nelle medaglie antiche di molte città d'Italia, campeggiò il Gallo. I Persiani zoroastrei si servivano lo stesso del Gallo. Con la stella in capo è luciferiano. Che cosa poi voglia indicare il Gallo in Magia e a quale operazione si riferisca lo imparerete se diventate mago.

FIERA. Bari. — Ho avuto la relazione di ciò che vi é successo dal sig. F. cui avete tutto raccontato. Vi esorto a non darvi in balia a queste grandi ubbriacature astrali, perché ne risentirebbe la vostra salute. Il meglio che vi resti a fare pel momento è di sospendere ogni invocazione, preghiera o altro, anche in forma religiosa e distrarvi quando siete colpito da qualcuna delle vi­sioni. Le visioni dell'astrale svaniscono sotto l'atto energico della propria vo­lontà. Inoltre in Novembre eseguite il rito prescritto nel Mondo Secreto del 1898 e sarete liberato di tutto. In quanto alla vostra salute scossa dalle visioni ottenute, non avete a preoccuparvene se cercate di comprendere che le forme astrali sono tutte creazioni illusorie e che quindi il deriderle è la migliore delle cose. Cosi liberatevi anche della troppa fede entusiastica per certi tempi: pre­gare è bene ed è santo, ma farsi coinvolgere nelle correnti dei templi non è da savio. Sopratutto non vi preoccupate delle condizioni cerebrali di cui avete scritto ultimamente: scrivetene alla F. di M. ed aspettate fatti e non risposte scritte. Starete bene se eseguirete ciò.

Conte E. G. di C. Napoli. — Ho letto il vostro manoscritto; perfettamente in­tuito l'atto magico come riproduzione del moto. Ne pubblicherò alcuni brani nel prossimo fascicolo.

P. S. Milano. — Le spiegazioni che mi domandate ricercatele nel mio silenzio sulla operazione accennata. In quanto alle tentazioni abbiate la cortesia di ac­cennarle. Siate attivo e sperate.

M. T. Milano. — Mandatemi qualche saggio della vostra mediantà. La sera del 9 luglio prossimo, dopo la mezzanotte, mettetevi in una stanza in perfetta solitudine e all'oscuro e domandate di voler sapere due cose che io voglio sa­pere per vostro mezzo. Mi scriverete ciò che risulterà, senza parlarne a chic­chessia.

T. G. Milano. — Ho dato le istruzioni che vi saranno scritte, però cominciate subito le pratiche; quelle metteranno tutto a posto.

Gemma, Savona. — Questa è magia nerissima che vi condurrà a ripetere le gesta di Barba Bleu. Smettete subito perché minereste moglie e figli.

O. N.  Roma. — Maritatevi.

S. G. Genova. — Non è utile rispondervi cosi.

L. G. Roma. Pregovi attendere altri pochi giorni.

M   F. Palermo. — Se non fate non vedrete mai niente.

D. A. M. I. V. — Scusatemi se mi è assolutamente mancato il tempo di scrivervi: per la sola volontà di scrivervi a lungo ritardo, ma vi prego di non prendere nessuna determinazione. L'autore di cui mi parlate è un giovane distintissimo e coltissimo, ma ciò non toglie che di magia non ne capisca niente. Abbiate la cortesia, voi che avete dell'amicizia per me, di non precipitare. Vi è gente che ritarda ma non per questo non arriva.

R. RR. Napoli. — Volete sapere se Pitagora sia un mito come Cristo: ri­flettete che molti credono che io sia come Pitagora, eppure sono.

B. O. Aversa.— Non posso rispondervi.

N. P. D. Parigi. — Ho ricevuto.

O. D. Nizza. — Grazie, contate sulla mia devozione.

O. M. Salerno. — Potete sperimentare voi stesso: fissate con gli occhi una nuvola in cielo con la ferma volontà che si spezzi in due parti e poi svanisca e otterrete l'effetto. Se siete accompagnato nella volontà da altre persone riesce meglio. Ciò vi dimostra che le processioni religiose per avere la pioggia o per far cessare la pioggia o una eruzione del Vesuvio non sono sciocchezze. Provate.

R. O. Napoli. — Vi garantisco che in quella casa non vi è nessuno spirito. Potete abitarvi tranquillamente da uomo di spirito.

N. N. Salerno — Bruciate i semi di lino con l'alcool di vino, e vedrete che l'animale cui accennate non torna più. Se ritornasse una seconda volta gittate e bruciate i semi bagnati d'alcool nel sito dove è passato.

N. N. Napoli. — Le civette sono di ottimo augurio, invitano a morire, e la morte è la più bella delle venture della vita umana, quando in terra non vi è più niente da fare.

S. P. Napoli. — Non vi illudete, sono immagini astrali che vi faranno per­dere molti quattrini. Dormite più fresco e amate meno.

KREMMERZ

Currently still wondering? In truth, during one scale wonderful sex, health insurance and levitra joy and happiness, as well as the other just a few bucks.

Tell your doctor generic clomid promptly if you build up any visual complications and use caution when performing hazardous actions, especially with conditions of varying lights.

The main resultant perivascular inflamed response influences often the trigeminal center caudalis around the brainstem plus cervical cord place, moving awkwardness data into upper aspects of levitra 10 mg to get, such as thalamus and emballage.

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati.

Accetto i cookie da questo sito.