“SALVATORE MERGÈ (ELIS ELIAH)”

  

“NOI DISCEPOLI DI GIULIANO KREMMERZ DOBBIAMO ESSERE PURI, INIZIATI, ERMETISTI MIRIAMICI CRISTIANI, FIGLI DI DIO, NON ATEI, NÉ OCCULTISTI, NÉ MASSONI.”

  

 

“IL TENTATIVO DI SOSTITUIRE LA DIMENSIONE SPIRITUALE, SACRA, DELLA VITA UMANA, CON PRATICHE PARTICOLARI DI POTERE MATERIALE, È VENUTO ALLO SCOPERTO DELLA LUCE DEL GIORNO; NON LASCIARTI INGANNARE E SOPRATTUTTO NON DISPERARE MAI!”

 

 (Salvatore Mergè)

 

 

“IO TE LO PROFETIZZO, DOPO DI NOI NON VI SARÀ PIÙ ALCUN AMORE SINCERO PER LA FILOSOFIA, ESSA CONSISTE SOLO NEL DESIDERIO DI CONOSCERE PIÙ PROFONDAMENTE LA DIVINITÀ, MEDIANTE UNA CONTEMPLAZIONE INCESSANTE E UNA SANTA DEVOZIONE, MOLTI GIÀ L’HANNO CORROTTA IN UN’INFINITÀ DI MODI.”

 

(Ermete Trismegisto, ad Asclepio)

  

“LA FEDE IN DIO È LA MISURA DELLA SAGGEZZA; L’IGNORANZA CONSISTE NELLA NEGAZIONE, O DEVIAZIONE DALLA CONCEZIONE DI DIO, COME ESSERE UNICO, UNIVERSALE, INFINITO. DIO PER NOI ERMETISTI MIRIAMICI È TUTTO.”

 

(Renato de Angelis)

 

 

 

“VOLEVO PARLARE MA POI HO SCRITTO:

 HO IMPARATO TANTO TEMPO FA,

 A NON FARE LA LOTTA CON I MAIALI,

 TI SPORCHI TUTTO E, SOPRATTUTTO

 AI MAIALI PIACE.”

 

(George Bernard Shaw)

  

*****

 

“OCCORRE ESSERE CHIARI - dice il Maestro Salvatore Mergè al nipote Renato de Angelis - I DISCEPOLI DEL LEBANO NON HANNO MAI FATTO PARTE DELLA TRADIZIONE ERMETICA KREMMERZIANA, PER CUI NON POSSIAMO A NESSUN TITOLO CONSIDERARE FRATELLI MYRIAMICI TUTTI COLORO CHE NE HANNO FATTO PROPRI GLI INSEGNAMENTI, IN QUANTO LE ISTRUZIONI E LE PRATICHE CHE RISALGONO AL LEBANO, NON SONO CONCILIABILI IN NESSUN MODO, CON QUELLE TRASMESSECI DAL MAESTRO GIULIANO KREMMERZ, CON LA MYRIAM E CON IL GRANDE ORIENTE EGIZIO.”

 

“SULLA QUESTIONE DEI RAPPORTI CON IL LEBANO, IL MAESTRO KREMMERZ HA SEMPRE TACIUTO, SIA IN PUBBLICO CHE IN PRIVATO, EVITANDO COSÌ DI COINVOLGERE LA FRATELLANZA DI MYRIAM IN TRISTI POLEMICHE; TUTTAVIA ESISTONO TESTIMONIANZE BEN PRECISE, CHE I DISSENSI TRA IL LEBANO E GIULIANO KREMMERZ NON SI LIMITARONO ALLA RECIPROCA INDIFFERENZA, MA ANDARONO BEN OLTRE; NONOSTANTE GIULIANO KREMMERZ ABBIA SEMPRE CERCATO DI EVITARE LO SCONTRO DIRETTO CON IL LEBANO, AMANDO SOPRA OGNI COSA LA PACE DELLO SPIRITO E NON CERTO LE DISPUTE, QUEST’ULTIMO INVECE NON PERSE MODO DI FAR SENTIRE LA PROPRIA OSTILITÀ, GIUSTIFICATA DA MOTIVAZIONI DEL TUTTO PERSONALI, PRIMA FRA TUTTE LA PAURA, DI ESSERE MESSO IN CATTIVA LUCE DI FRONTE AGLI ALTRI MEMBRI DEL GRANDE ORIENTE EGIZIO.

 

“LA PERSECUZIONE OPERATA DAL LEBANO NEI CONFRONTI DI GIULIANO KREMMERZ, FU UNA VERA E PROPRIA CATTIVERIA, DEL TUTTO GRATUITA, AVVIATA SOLTANTO DOPO LA MORTE DI IZAR ED ORDITA CON TUTTE LE ARTI SOTTILI DI CUI EGLI DISPONEVA, COSTRINGENDO LO STESSO CIRO FORMISANO AD ALLONTANARSI DA NAPOLI, PER FARVI RITORNO SOLO DOPO LA SCOMPARSA DELLO STESSO LEBANO; IN SEGUITO, ALTRE TRISTI VICENDE, QUESTA VOLTA LEGATE ALLA STORIA DEL NOSTRO PAESE, PORTARONO LA FAMIGLIA FORMISANO ALLA DECISIONE DELL’ALLONTANAMENTO DEFINITIVO DALL’ITALIA.”

 

“ALCUNI TRA I COSIDDETTI NEO-KREMMERZIANI PROSEGUIRONO, CONSAPEVOLMENTE, GLI STESSI INTENTI MALEVOLI DEL LEBANO NEI CONFRONTI DI GIULIANO KREMMERZ, SE NON NELLE PAROLE DI SICURO NEI FATTI, INFANGANDONE LA MEMORIA, ANCORA VIVA NEI SUOI VERI DISCEPOLI, DI UNA VITA ESEMPLARE DI PUREZZA E DETURPANDO, PER QUANTO LORO POSSIBILE, LA PREZIOSA “TRADIZIONE” E GLI INSEGNAMENTI DI PACE INTERIORE LASCIATICI DAL MAESTRO, CON LA SUA SOLA PRESENZA.”

 

      Il termine “Tradizione”, anche nel linguaggio comune, indica una trasmissione regolare ed ininterrotta, in mancanza della quale piuttosto che di “tradizione” si dovrebbe semmai parlare di “tradimento”, visto che entrambi i termini derivano dalla stessa voce latina tradere, affidare, solo che nella seconda accezione si approfitta della fiducia altrui e non si rafforza di certo il vincolo fraterno (come nella Tradizione).

 

      Questo è il caso di alcuni neo-kremmerziani, i quali non si limitano a fare proprio, senza alcun diritto, l’insegnamento del nostro Venerabile Maestro Giuliano Kremmerz, ma lo reinventano del tutto, riscrivendone sia pratiche che istruzioni, mossi solo da ambizione personale, tradendo la buona fede di tanti malcapitati creduloni.

 

      Se una trasmissione ininterrotta, regolare, costituisce in un certo senso una Tradizione, la sua contraffazione ne rappresenta sempre un tradimento, ed anche se inconsapevolmente, va comunque ad alimentare una reale quanto pericolosa contro-tradizione.

 

      Facciamo il caso che qualcuno si introduca con l’inganno nella vostra parrocchia, si metta a dir messa, fingendosi un sacerdote in viaggio da un’altra diocesi, al solo scopo di raggirare i malcapitati fedeli, scopertolo, come lo giudichereste? DI CERTO, UN TRADITORE!!!

 

      E se questo traditore, approfittando del rispetto dovuto al suo abito, si appartasse, lusingando tutti i malcapitati, sia uomini che donne, diffondendo tra i fratelli pratiche contrarie alla Fede, non lo caccereste lontano facendolo scappare con la coda tra le gambe…?

 

“A QUESTO PUNTO DOBBIAMO PRECISARE, QUALORA NON DOVESSE ESSERE ANCORA CHIARO A TUTTI, CHE PER NEO-KREMMERZIANI IN GENERE INTENDIAMO, COME DICE LA PAROLA STESSA, TUTTI COLORO CHE, DI PROPRIA INIZIATIVA, AVVIARONO ED AVVIANO ANCORA OGGI, ISCRIZIONI AD ACCADEMIE KREMMERZIANE GIÀ ESISTENTI O DEL TUTTO NUOVE, SENZA AVER RICEVUTO DAL MAESTRO STESSO O DA MAESTRO FATTO DA LUI, ALCUNO SPECIFICO MANDATO, CHE NE POSSA GIUSTIFICARE L’OPERATO IN TAL SENSO; NON A CASO PARLIAMO DI “ISCRIZIONI” AD ACCADEMIE, IN QUANTO DI INIZIAZIONE VERA E PROPRIA, PER QUESTI GRUPPI NEO-KREMMERZIANI, NON ABBIAMO MAI AVUTO ALCUNA NOTIZIA, E D’ALTRONDE NON VEDIAMO COME CIÒ SAREBBE POSSIBILE, MANCANDO LA REGOLARITÀ INDISPENSABILE ALLA CATENA INIZIATICA.”

 

“SOTTO LA DENOMINAZIONE DI NEO-KREMMERZIANI, INCLUDIAMO ANCHE LO STESSO CENTRO ERMETICO UNIVERSALE DI ROMA (C.E.U.R.), FACENTE CAPO AL CORAGGIA, IL QUALE VANTA, SOLO, COME UNICO MERITO, QUELLO DI AVER ACQUISTATO, DALLA IGNARA VEDOVA DEL MAESTRO GIULIANO KREMMERZ, AL PESO DI SONANTI MONETE D’ORO (DIVERSE CENTINAIA DI MIGLIAIA DI LIRE), E NON CERTO DI ORO FILOSOFICO, I DIRITTI DI TUTTE LE OPERE OLTRE A “COSE” MOLTO RISERVATE”.

 

      A TUTTI COLORO CHE SI RIFANNO, ANCHE SOLTANTO IDEALMENTE, AGLI INSEGNAMENTI DI GIULIANO KREMMERZ, RICORDIAMO – dice il nipote di Salvatore Mergè, Renato de Angelis maestro e preside della S.P.T.H.S.M.– QUANTO LO STESSO MAESTRO MERGÈ CI RICORDAVA SOVENTE:

 

“NOI DISCEPOLI DI GIULIANO KREMMERZ DOBBIAMO ESSERE PURI, INIZIATI, ERMETISTI MYRIAMICI CRISTIANI, FIGLI DI DIO E NON ATEI, NÉ OCCULTISTI, NÉ MASSONI, E LA DIFFERENZA È SOSTANZIALE, NON SOLO UNA MERA QUESTIONE DI TERMINI!”

 

“DA PIÙ PARTI È IN CORSO IL TENTATIVO –avverte Salvatore Mergè – DI FAR PASSARE ISTRUZIONI PRATICHE ASSURDE, PER INSEGNAMENTI “SEGRETI” DI KREMMERZ, COSA CHE RIPETIAMO È DEL TUTTO FALSA; SAREBBE SUFFICIENTE AVER LETTO ANCHE SOLTANTO UNA VOLTA LE OPERE DEL MAESTRO GIULIANO KREMMERZ, PER RENDERSENE CONTO E FUGARE DEFINITIVAMENTE OGNI DUBBIO!”

 

“SE CI CREDIAMO SUPERIORI ALLA MORALE – dice Salvatore Mergè - DA CONTRAVVENIRNE ANCHE LE REGOLE PIÙ BASILARI DI PUREZZA, COME POSSIAMO DIRCI “PURI, INIZIATI? E CON COSA VERAMENTE SIAMO “ENTRATI IN CONTATTO”? DI CERTO NON CON LA MYRIAM, CHE È CORRENTE DI AMORE E PUREZZA!”

 

      POSSIBILE CHE IN TUTTI QUESTI ANNI, NESSUNO DEI TANTI MAESTRI, CHE SI PROCLAMANO A QUALSIASI TITOLO KREMMERZIANI, ABBIA MAI VOLUTO PRONUNCIARSI PER DIFENDERE LA MEMORIA DEL MAESTRO GIULIANO KREMMERZ, RESTITUENDOGLI LA CREDIBILITÀ CHE GLI È STATA TANTO VIGLIACCAMENTE SOTTRATTA?


      È GIUNTO IL MOMENTO DI DIFFIDARE CHI ASSOCIA IL NOME DEL NOSTRO AMATO VENERABILE MAESTRO GIULIANO KREMMERZ, E DELLA FRATELLANZA DI MYRIAM (CORRENTE DI AMORE E DI PUREZZA), AD ISTRUZIONI E PRATICHE MATERIALI CHE, ANCHE SOLO LONTANAMENTE, RICHIAMANO CONDOTTE SESSUALI DI QUALSIASI GENERE; CI RISERVIAMO DI DENUNCIARE CHI APPROFITTA DEL NOME DI KREMMERZ, E DELLA MYRIAM, PER DIFFONDERE MATERIALE OFFENSIVO ED INFAMANTE, TRAMITE QUALSIASI MEZZO DI COMUNICAZIONE CARTACEO O DIGITALE! PER TUTTI COSTORO NON ABBIAMO ALTRE PAROLE CHE “VERGOGNATEVI!!!” 

 

“IL MAESTRO KREMMERZ – annota salvatore Mergè - SOLTANTO NEL PRIMO VOLUME “AVVIAMENTO ALLA SCIENZA DEI MAGI”, NOMINA “DIO” 208 VOLTE; QUANTO DOVEVA AMARLO? PER SENTIRE IL BISOGNO DI RIVOLGERSI A LUI COSI TANTE VOLTE? DIO DI CERTO, AVEVA ISPIRATO IL SUO INTELLETTO, COME BENE SI LEGGE NELL’INNO AL SOLE, POSTO DAL MAESTRO ALL’INIZIO DELL’OPERA APPARSA A PUNTATE SULLA RIVISTA “IL MONDO SECRETO”, LE CUI PRIME TRE STROFE RECITANO COSÌ:

 

O SOLE, RADIANTE IDDIO, PADRE NOSTRO, TU, CHE CREI LE FORME

 E DAI CON L’OMBRA RILIEVO ALLE COSE VISIBILI NELL’ONDA DEL

TUO SPLENDORE ETERNO, ILLUMINA DELLA TUA LUCE DIVINA COLUI

CHE, PURO DI MENTE E DI CUORE, LEGGERÀ IN QUESTO LIBRO LE

LEGGI E LE PRATICHE PER ASSORGERE ALLA POTESTÀ DEI NUMI: FA

 CHE EGLI INTENDA E NON FRAINTENDA: DAGLI L’UMILTÀ DI SAPERSI

IGNORANTE E LA VIRTÙ DI PRESCINDERE DALLA SORDA SENSITIVITÀ

DELLA VITA TERRENA, AFFINCHÉ, DOVE LA VOCE DELLA BESTIA NON LO

 SEDUCA, SENTA L’ALITO DEL TUO SPIRITO FECONDO.

 O SOLE, TU, CHE SPAZZI LE TENEBRE DELLA GRANDE NOTTE DEI

FANTASMI PASSIONALI, DEGLI SPETTRI DELLE CONCUPISCENZE PIÙ

SFRENATE, DELLE SUPERBE CREAZIONI DELL’ORGOGLIO UMANO,

ILLUMINA L’IGNORANZA DI COLUI CHE, MONDO DAI FREMITI DELLA

VOLUTTÀ DELLE COSE TEMPORANEE, HA SETE DI VERITÀ ETERNE, E FA

CHE L’IDOLATRA DELLA BESTIA, INCATENATO ALLA VANAGLORIA

DELL’IGNORANZA, SENTA IL TUO RAGGIO DIVINO E SI PREPARI

ALL’AVVENTO DEL CRISTO.

O SOLE, SFOLGORANTE IDDIO, PERDONA A CHI MI LEGGERÀ IN

MALA FEDE, AI MASSONI IGNORANTI, AI PRETI MESTIERANTI O

CIECHI, AI DOTTORI DI TEOLOGIA CHE NON INTENDONO LA PAROLA DEL

TUO SPIRITO, AI SAPIENTI ADORATORI DELL’ACIDO FENICO, DEI

MICROBI E DEI SIERI, AI CRITICI CHE NON SANNO E AI PINZOCHERI

CHE HANNO PAURA; FA CHE I TUOI MESSAGGERI DI LUCE, ANGELI

ALATI E DEMONI CORNUTI, LI CONVERTANO ALLA INTELLIGENZA DELLA

 VERITÀ DELLE COSE VISIBILI…”

  

*****

 

      L’Ermetismo è una Scienza Sacra - ci chiarisce una volta per tutte il Maestro Renato De Angelis, preside della Schola Philosophica di Teurgia Hermetica, a seguito di mandato scritto dello stesso M° Salvatore Mergè - i cui sacramenti e simboli viventi ricevono la loro efficacia da Dio e non dagli uomini; la trasmissione della Tradizione Sapienziale, non può che provenire da una regolare ed ininterrotta catena iniziatica - la cui origine va fatta risalire ai primordi della storia dell’umanità. Nella civiltà di cui siamo figli, prende nome da Ermete Trismegisto “tre volte sommo in Santità” (così scriveva Giuliano Kremmerz nei Dialoghi sull’ermetismo a proposito della Schola Ermetica); soltanto la regolare catena iniziatica, ininterrotta, di una Schola Ermetica, tramandata da Maestro a Maestro, garantisce la presenza spirituale nei riti tutti, essa è la sola capace di risvegliare in noi l’INTELLETTO DI LUCE; diversamente quegli stessi riti, compresi i riti di ingresso o di Iniziazione, sia che siano stati ricevuti per vie traverse, sottratti o comprati, o che siano il frutto della personale immaginazione di maestri autoproclamatisi tali, (nonostante tutti i timbri a secco e le idealizzate figure di Venerabili, ritratte in antichi quadri), rappresentano al massimo il veicolo di suggestioni mentali individuali, quando non di influenze psichiche inferiori, e piuttosto di favorire, vanno ad ostacolare la generazione spirituale, fine per cui sono stati tramandati all’Umanità, nel corso dei millenni, dalla Virtù Celeste per il tramite di Uomini di Luce.

 

“L’Intelligenza e la purezza di tutti gli Esseri celesti, nella via ermetica, – dice Salvatore Mergè – sanno affermare con la loro benedizione una Accademia regolare tramandata da Maestro a Maestro, e non confermano, con la loro benedizione, l’avviamento di accademie non conformi ad un percorso di luce, qualora i loro membri fossero atti ad una vita disordinata e non degna spiritualmente.”

 

“Tutto ciò che noi sperimentiamo a livello esteriore, sia esso fatto della materia dei sensi corporei che di quella sottile dei sogni, non può essere confuso con la dimensione spirituale, sovra-umana, che è Luce e Saggezza.”

 

“In un mondo viziato a tutti i livelli dalla tendenza dominante del materialismo sensistico la sopravvalutazione di esperienze sensazionali, oltre il campo dei sensi ordinari, è pressoché inevitabile, per cui è facile, senza l’aiuto di un Maestro esperto di quest’arte, che si prendano, per stati spirituali e sovra-umani, stati della coscienza individuale, frutto dell’immaginazione, liberata dalle limitazioni degli organi dei sensi esterni.”

 

“IL MAESTRO KREMMERZ CI HA INSEGNATO – ripete spesso Salvatore Mergè – CHE NOSTRO SIGNORE, PER NOI ERMETISTI CRISTIANI È L’ESEMPIO DELLA PERFEZIONE. EGLI NON HA OPERATO IN VITA CHE MIRACOLI DI GUARIGIONE, VOLTI A SOLLEVARE DAL PESO DELLE SOFFERENZE FISICHE E MORALI GLI UOMINI, A MEZZO DELLA LORO STESSA RITROVATA FEDE, E NON CERTO ATTI A MOLTIPLICARE L’ORO NELLE BISACCE DEGLI APOSTOLI O AD AUMENTARNE IL POTERE MATERIALE PERSONALE. TALE DEVE RESTARE LO SPIRITO NELLA NOSTRA PREGHIERA DI INVOCAZIONE A MYRIAM, MARIA, MADRE E CONSOLAZIONE NOSTRA, CORRENTE DI AMORE, PACE E SOLLIEVO PER CHI È IN STATO DI BISOGNO E NON SOLO PERCHÉ AFFLITTO O AMMALATO.”

  

 

*****

  

“Siamo nel 1963, anno che passerà alla storia della Chiesa per il Concilio Vaticano II, le trombe dell’Apocalisse – avverte Salvatore Mergè – sono già suonate. Stiamo vivendo un'epoca molto difficile e nei prossimi anni ne vedremo ancora delle belle.”

 

“Il mondo occidentale sta vivendo un momento decisivo per la conservazione della sua stessa Civiltà, e delle Verità che ha avuto in dono con essa; Verità che sono destinate ad essere conservate e trasmesse, vive e nella loro pienezza, alle generazioni future, e non certo ad essere abbandonate per correre dietro agli idoli rabberciati dell’attuale modernismo.”

 

“Quello che abbiamo vissuto con le due guerre mondiali non è niente in confronto al deserto della desolazione del cieco materialismo che ci attende, e non mi riferisco soltanto alle nefaste ideologie atee che da decenni imperversano in parte dell’Europa ed in parte dell’Asia, e non tarderanno ad essere trasportate, dai venti gelidi, fino alla nostra bella penisola, per tentare di oscurarne il radiante Sole pitagorico.”

 

“In un futuro prossimo sarà sempre più difficile coltivare la propria vita interiore, soprattutto difenderne l’integrità dai violenti attacchi, sferratigli da tutte le parti, attacchi volti ad impedire la trasmissione alle generazioni future, delle Verità di Luce, e dei suoi sacramenti e simboli viventi.”

 

“Medita Renato, come oggi soltanto pronunciare la parola “satanico” scateni reazioni psichiche, tanto inconsapevoli quanto ostili; e se ciò non ti fosse sufficiente a comprendere la gravità della situazione, che in questi anni l’umanità intera sta vivendo, immobilizzata com’è nella palude del materialismo sensistico, rifletti su come siamo arrivati all’assurdo di ritenere “sconveniente”, nelle conversazioni pubbliche, usare la parola “Dio”, il solo riferimento alla Religione infatti “in società” è sufficiente per essere esclusi, o confusi, con i fanatici di una delle tante sette pseudo-cristiane.”

 

      “DIO C’È”, scritto sui muri delle strade, è divenuto ormai soltanto il grido di una umanità fragile, sentimentalmente instabile, caduta vittima delle S.p.A., del protestantesimo moderno che con la Vera spiritualità non ha nulla in comune.

 

“L’INCONTRO CON DIO È UN DONO CHE VA VISSUTO CON LA GRAZIA DI ESSERE ARRIVATI AL TRAGUARDO. GIULIANO KREMMERZ HA PARLATO DI “DIO” COSÌ TANTE VOLTE, PERCHÉ ERA “LUI” CHE CERCAVA, ERA “LUI” CHE DESIDERAVA GUSTARE, ERA “LUI” CHE DESIDERAVA LO TENESSE PER MANO, COSÌ DA DIVENIRE UNA SOLA COSA CON “LUI”.

 

“Non occorrono pagine e pagine di studi filologici sui testi sacri – spiega il Maestro Mergè - riferendosi tra l’altro anche alla piaga dei Testimoni di Geova, per comunicare ad uomini di buona volontà, la Pace dello Spirito; il Sacro resta sempre un Mistero incomunicabile, non può essere compreso dalla ragione umana, e non si trasmette per mezzo delle conoscenze acquisite sui libri, ma soltanto accostandosi, con Fede ferma, ai suoi sacramenti e riti, a mezzo della Preghiera; con Amore ed una Volontà Solare, le Parole viventi ci sveleranno la Realtà che nascondono. L’uomo non può partecipare alla dimensione Sacra e Divina se non risveglia prima in sé il senso della Fratellanza, nell’Unità trascendente propria dello Spirito, con l’assiduità alla Preghiera d’Amore per il prossimo, cosi come attraverso i millenni è stato insegnato da Maestro a Discepolo, e non soltanto nell’ermetismo cristiano kremmerziano.”

 

“La campagna contro la spiritualità avanza incessantemente, la trasmissione della “Tradizione Sapienziale” sta per vacillare, sotto i colpi inflitti da una rinnovata mentalità ottusa ed integralista, e non meravigliamoci dei cambiamenti in atto, perché le stagioni della storia dell’Umanità si ripetono ciclicamente.”

 

“VERRANNO CANCELLATE PRATICHE SPIRITUALI MILLENARIE, SOSTITUITE CON COMPORTAMENTI RIFORMATI, SPALLE RIVOLTE AL SACRO, SGUARDI AMMICCANTI AL MONDO PROFANO, IN CERCA SOLO DEL CONSENSO DEGLI UOMINI PIUTTOSTO CHE DELLA LUCE DELLA VERITÀ. SI STANNO PERDENDO “LE VIRTU”, INSITE NELLE PAROLE ANTICHE (LATINO), ANIMATE DA SECOLI DI VERA LUCE E DI VIVO AMORE PER L’INFINITO.”

 

       Siamo nel 2021 e l’ignoranza della Tradizione si è spinta così oltre, da essere ormai prossimo ed inevitabile un nuovo (forse l’ultimo) scisma all’interno della Chiesa.

 

       Magistralmente lo aveva profetizzato bene Giuliano Kremmerz, quando scrisse nel 1920, sotto lo pseudonimo di ODER-BNE-ORMAZ, “due Croci si fronteggiano sul Tevere”.

 

       Una Croce oggi è sotto gli occhi di tutti, quella portata dal Vescovo di Roma, facente le funzioni dell’autentico Vicario di Cristo, la cui VERA CROCE, BENEDETTA e fonte di saggezza, è stata, a forza, oscurata. . .

 

       L’altra Croce, si è posta di fatto, ormai manifestamente, a servizio di una Europa che ha voltato le spalle alla VERA CROCE, sigillando la propria unione con il conio di una nuova moneta d’oro, contraria a qualsiasi simbolo di Fede.

 

       Questa Croce inneggia oggi, con spregiudicata disinvoltura, all’abominio della profanazione del Tempio, consacrando sull’altare della Verità, niente altro che le ragioni della materialità dei sensi; nessun altro nome gli si addice meglio che “Gran Loggia di Sodoma e Gomorra”.

 

       Questa Unione, nel nome di un ritrovato “vitello d’oro”, ha stracciato anche gli ultimi lembi della sua veste candida, “laica”, condividendo l’assenza dei valori, soltanto con la più tenebrosa materialità.

 

       NERA piuttosto dovrebbe essere la bandiera di questa Unione, come NERO è già il suo Alfiere, dietro di sé non lasciando entrambi che il lutto, per la fine di una Tradizione di LUCE, salvifica per il genere umano.

 

       La coscienza degli uomini è divenuta così ingombrante, da ritenere troppo scomodo fermarsi ad ascoltarla, ciò rende impossibile intravedere la porta stretta della via interiore, e quei pochi che miracolosamente ne intravedono la possibilità per un attimo, subito dopo vedono svanire i loro sforzi per le pressioni di una vita esteriore secolarizzata, scandita dal moltiplicarsi sfrenato di bisogni fittizi, in balia di burrascosi sentimenti materiali; essi cadono facilmente vittima, per reazione al mondo moderno secolarizzato dalle sue stesse mille trappole, come quelle delle recenti scienze sincretiste, promettenti “dolci sonni” in orientaleggianti distese di papaveri.

 

       Si tenta ormai ovunque di cancellare sempre di più ogni aspetto Sacro della vita, sostituendolo con qualcosa di materialmente appetibile e soprattutto facilmente fruibile; persino all’interno di quelli che dovrebbero essere gli stessi ultimi baluardi della Luce Spirituale in Occidente, SI SONO DIFFUSE LE PIÙ ASSURDE PRATICHE DI SPORCIZIA (FOLLIE!!!); FALSI MAESTRI, RIVENDICANO LA LORO AUTORITÀ A MEZZO DI TECNICHE IMMONDE, PROMETTENTI LUCIFERI POTERI SULL’UMANITÀ E SUL MONDO FUTURO.

 

       Tecniche sempre più evolute vengono diffuse come anestetici, per anime doloranti, ferite dagli urti violenti dei sentimenti materiali, eccitati senza più alcun freno. Cure temporanee per una umanità materializzatasi a tal punto, che non lascerà nessuna idea di sé alle generazioni successive, se non le rovine materiali di una civiltà nata con un ideale grande, governata poi maldestramente fino alla sua dissoluzione.

 

“Mio caro Renato – dice Salvatore Mergè – non ti stancare mai di insegnare L’AMORE PER MYRIAM, MARIA, SALVEZZA DELLA NOSTRA ANIMA, OGNI NOSTRO SFORZO DI RESTARE IN PIEDI ED ANDARE OLTRE L’EFFIMERO, RESTA VANO, SENZA LA VIRTÙ PURIFICATRICE DEL SUO SOTTILISSIMO E LUMINOSISSIMO VELO; CHE IL SUO LEMBO COSPARSO DELLE VIRTU’ CELESTI CI SFIORI, INONDANDOCI DELLA SUA INFINITA GRAZIA, CI CONCEDA IL DONO DELLA VISIONE DELLE ESSENZE, CAUSE PRIME E POTENZE DEL CIELO.”

 

“Lo SPIRITO UNICO è il Bene comune, senza di Esso non c’è Comunione d’Amore ma solo separazione e senso di precarietà.”

 

“Siamo esseri misti, fatti non di sola carne ed ossa e perciò spesso caduchi; la dimensione spirituale per noi è una conquista che comporta tantissima forza di volontà, molto sacrificio e dedizione, fino all’”abdicazione” dal proprio io materiale. Convertiamo i nostri cuori all’Amore, perché la Bellezza e la Bontà Infinita rendano nitido l’orizzonte nostro mentale, diradando le nubi cariche di sensualità.”

 

“NON DISPERARE MAI!!! IL SILENZIO SIA IL TUO MAESTRO INTERIORE, LA PREGHIERA SIA LA TUA STRADA DI LUCE, RIVOLTA AL CIELO, LA FEDE IL TUO FUOCO SEMPRE ACCESO, L’AMORE LA TUA DIMORA NELLO SPIRITO UNICO (SPIRITO SANTO), IL MISTERO LA TUA SPERANZA NELLA VERITA’.”

 “RENDITI DEGNO A MEZZO DELLE PREGHIERE DI INVOCAZIONE A MYRIAM, MARIA, MEDIATRICE DI OGNI VIRTÙ E GRAZIA; NOSTRO SIGNORE, IL SALVATOR MUNDI, RE DEL MONDO, NON LE RIFIUTA ALCUN MIRACOLO E GRAZIA!”

  

 

***** 

 

 

“LA MENTE È LA FORMA SOTTILE DI OGNI INDIVIDUO - dice Salvatore Mergè - IL SUO STESSO PENSIERO; SENZA LA MENTE, NOI NON AVREMMO LA PERCEZIONE DEL MONDO ESTERNO, E NEPPURE AVREMMO COSCIENZA DEL NOSTRO CORPO.”

 

“LA MENTE O PENSIERO, NON È CHE LA COSCIENZA STESSA, IL NOSTRO IO; ANTICAMENTE CI SI RIFERIVA AD ESSA COME AD UN “LUME NATURALE”, PER DISTINGUERLA DALL’ANIMA, VERA LUCE PURA SPIRITUALE, DI CUI LA NOSTRA COSCIENZA NON È CHE IL RIFLESSO.”

 

“L’ESSERE E LA SAGGEZZA APPARTENGONO SOLTANTO ALL’ANIMA, ESSA SOLA È LUCE PURISSIMA ED AMORE INFINITO; LA TRASMISSIONE DELLA TRADIZIONE SAPIENZIALE ALL’UMANITÀ È STATA POSSIBILE SOLTANTO GRAZIE AGLI UOMINI DI LUCE, ANIME ILLUMINATE DALLA GRAZIA, CORRENTE DI AMORE UNIVERSALE.”

 

“LA PEGGIORE DELLE FALSIFICAZIONI, IN ATTO DA DIVERSI SECOLI, ED IN QUESTI ANNI AL SUO MASSIMO SVILUPPO, È PROPRIO QUELLA CHE RIGUARDA LA CONOSCENZA; LE SCIENZE MATERIALI, PROFANE, HANNO INGHIOTTITO DEL TUTTO OGNI SAPIENZA ANTICA, SPUTANDO SENTENZE DI CONDANNA PER TUTTO CIÒ CHE NON POSSONO GIUDICARE, CON I SENSI MATERIALI, E VOLTANDO LE SPALLE DEFINITIVAMENTE AI LORO STESSI PADRI, SECONDO IL DETTO, LA CORRUZIONE DELL’”OTTIMO” DIVIENE LA PEGGIORE DI TUTTE LE COSE.”

 

“LA VERITÀ È STATA OSCURATA DALLE INNUMEREVOLI “SCOPERTE” DELLE SCIENZE MATERIALI, DIVENTATE VIA VIA SEMPRE PIÙ ARROGANTI ED INTEGRALISTE, ANCHE NELL’AMBITO DELLE RICERCHE PSICOLOGICHE; ALCUNE DI QUESTE SCIENZE CONTEMPORANEE INIZIANO A COSTITUIRE UNA VERA E PROPRIA CONTRAFFAZIONE DELLA SPIRITUALITÀ, DEL TUTTO SIMILE ALL’OCCULTISMO, DI CUI CONDIVIDONO LO SCOPO, AVVILENDO LE MENTI DEGLI UOMINI, GIÀ INDEBOLITE, PER DETTARE LEGGE AL MONDO INTERO.”

 

“COME SI PUÒ ACCETTARE CHE LA DIMENSIONE SACRA E SPIRITUALE DELL’ESSERE UMANO, VENGA SOSTITUITA DALLE TEORIE DELL’INCONSCIO? NON DOBBIAMO INNALZARE SULL’ALTARE DELLA VERITÀ DELL’ANIMA, L’IGNORANZA, NÉ PRETENDERE DI RAPPRESENTARE A MEZZO DI ESSA LA SORGENTE STESSA DELLA LUCE!”

 

“RITROVARE LA CENTRALITÀ DELL’ANIMA NELLA NOSTRA ESISTENZA TERRENA È LA SOLA VIA CHE PORTA ALLA GRAZIA, RIDANDO PACE E SOLLIEVO A CHI È AFFLITTO, DEPRESSO O ANGOSCIATO DA UNA VITA RESA VANA, SENZA LA LUCE DEL VERO AMORE, DISINTERESSATO.”

 

“NON LASCIARTI SVIARE DALLA SUGGESTIONE DELLE ODIERNE TECNICHE COSIDDETTE PSICODINAMICHE, CHE IN ALTRI TEMPI AVREMMO DEFINITO A RAGIONE COME DELLE “NUOVE STREGONERIE”, PERCHÉ LA LORO PROSPETTIVA SFUGGE SOLO IN APPARENZA AL VORTICE MATERIALISTICO, CHE STA INGHIOTTENDO OGNI COSA; FUGGI ALLO STESSO MODO DAGLI SVILUPPI DELLO SPIRITISMO, CHE CONSIDERA LE COMUNICAZIONI CON I FANTASMI DEI DEFUNTI COME LA DIMENSIONE PROPRIA DELL’ANIMA; FAI ATTENZIONE A NON CONFONDERE I POTERI OCCULTI DELLA MENTE, RICERCATI DALLA PARAPSICOLOGIA, CON LA CONOSCENZA SACRA; COME IL SOGNO NON È IL SONNO PROFONDO, COSI LA DIMENSIONE SOTTILE DELLA MENTE NON È L’ANIMA E NEPPURE LA SAGGEZZA.

 

“RESTA AGGRAPPATO ALLA SOLIDA ROCCAFORTE DELLA VERITÀ UNICA, TRASCENDENTE ED IMMANENTE INSIEME, NESSUNO VERAMENTE PUO’ ABBRACCIARE “IL TUTTO” IN SÉ STESSO, NÉ PUÒ VEDERLO, RESTANDO NELLA CONDIZIONE DI ESSERE LIMITATO. DIO È UN MISTERO INCOMUNICABILE, RESTA NASCOSTO, IL SUO VOLTO NON HA NÉ VISIONE NÉ PAROLA, NESSUNO PUO’ DIRE DI AVER VISTO O PARLATO CON DIO! AL SUO COSPETTO TUTTO DIVENTA UNA SOLA COSA, OGNI ESSERE VIVENTE RAPPRESENTA, NEL MARE DELL’ESISTENTE, NIENTE DI PIÙ CHE UNA SCINTILLA DI LUCE, NELL’ATTO DI EMERGERE DAL SILENZIO INFINITO DEGLI ABISSI.”

 

“SUL TEMPIO DI ISIDE IN EGITTO – scriveva il Maestro Kremmerz in Avviamento alla Scienza dei Magi - ERA INCISO:

 

IO SONO CIO CHE È

 CHE FU

 E CHE SARÀ

 E NESSUN MORTALE

 HA PER ANCO SQUARCIATO

 IL VELO CHE MI COPRE.”

 

       Finché siamo vivi occorre rimanere con i piedi a terra; INVOCHIAMO CON PREGHIERA DI PURIFICAZIONE MYRIAM, MARIA, NOSTRA ETERNA MADRE, È LEI LA MEDIATRICE, CHE CI DONA A PIENE MANI, OGNI VIRTÙ E GRAZIA: MADRE BENEDETTA, CONFORTO, FORZA E VIRTÙ NOSTRA, PERLA DI PUREZZA DELLA NOSTRA ANIMA, ISPIRA IN NOI IL TUO ETERNO AMORE, ILLUMINA I NOSTRI CUORI DEL TUO CANDORE; FA’ CHE LA VERITA’ TORNI A SPIEGARE LE SUE ALI SU QUESTO MONDO, DONACI UOMINI, SOPRATTUTTO SANTI, CAPACI DI ADDITARE AL MONDO INTERO IL SENTIERO CHE CONDUCE DI LUCE IN LUCE, ALLA VERITA’ NASCOSTA, DIETRO IL VELO TENEBROSO DELLA MATERIALITÀ ATTUALE.

 

 

*****

 

 

       Il Maestro Mergè apostrofava cosi gli anni difficili che stiamo vivendo e soltanto ora possiamo capire a cosa veramente si riferisse con queste parole:

 

“UNA CIVILTÀ PERDE LA SUA FUNZIONE NELLA STORIA DELL’UMANITÀ, QUANDO NON È PIÙ IN GRADO DI TRASMETTERE L’EREDITÀ CHE HA RICEVUTO IN DONO ALLA SUA NASCITA, E CHE NON GLI APPARTIENE IN ESCLUSIVA; VERITÀ CHE HA IL COMPITO DI CUSTODIRE E DI TRASMETTERE, PERCHÉ SE NE CONSERVI VIVO IL RICORDO TRA GLI UOMINI; UNA COMUNITÀ DEGENERA QUANDO NON ATTINGE PIÙ LA PROPRIA LINFA VITALE AL SACRO, PROPRIO COME LA TERRA RESTA STERILE SENZA L’INVISIBILE UMORE DELLA RUGIADA DEL PRIMO SOLE DI PRIMAVERA; NON ESISTE UNA VITA PROFANA, OGNI MOMENTO DELLA NOSTRA VITA È UN ISTANTE SACRO E VA CONSACRATO ALLO SCOPO PER CUI SIAMO NATI, “PER SEGUIRE – COME DICEVA IL SOMMO POETA DANTE – “VIRTUTE E CONOSCENZA!”.

 

“UNA CIVILTÀ È SANA, QUANDO OGNI ATTIVITÀ PROPRIAMENTE UMANA, DAL LAVORO, ALLA VITA FAMILIARE, ALLO STARE INSIEME COME FRATELLI, COSTITUISCE UN MOMENTO PER RENDERE OMAGGIO AL DIVINO DI CUI TUTTI NOI SIAMO ESPRESSIONI DIVERSE ED IMPERFETTE.”

 

“Non dobbiamo mai dimenticare che qualsiasi tentativo di sviarci dalla dimensione Sacra della vita, come dall’Amore spirituale che fraternamente ci accomuna gli uni agli altri, partecipa, coscientemente o incoscientemente, alla natura inferiore dell’essere, nella quale non regna che la separazione e la caducità.”

 

“Renato, ci deve essere ben stampato in mente che “satanica” è ogni teoria che nega l’esistenza di DIO (materialismo, scientismo, etc…), al pari di ogni pseudo-dottrina che deforma la VERITA’ del suo ESSERE “TUTTO”, “UNO”, “UNIVERSALE”, “INFINITO”.

 

“Nel ‘900 vi sono state ogni sorta di contraffazione e rovesciamento, di pratiche e simboli della Scienza di Dio! L’oblio del sacro avanza gradualmente abbattendo ogni ostacolo, facendo leva specie sull’aspetto sentimentale, il più instabile dell’essere umano, e perciò spesso anche il più suggestionabile; quando i tempi saranno maturi ciò renderà almeno più rapido il raddrizzamento, e QUEL MOMENTO ARRIVERÀ PRESTO, PERCHÉ L’AMORE VINCE OGNI COSA E NIENTE PUÒ RESISTERE ALLA SUA VERA LUCE; DOBBIAMO TOGLIERE DAI NOSTRI PENSIERI OGNI CATASTROFE FUTURA, PERCHÉ I NOSTRI CUORI, PURIFICATI, SI CONVERTANO E POSSANO ESSERE LIBERI DI ACCOGLIERE LE VERITÀ.”

  

 

*****

  

 

“La storia della caduta verticale della nostra civiltà occidentale non è iniziata di recente, ma di sicuro negli ultimi secoli ha avuto una accelerazione vertiginosa, ed è per questo motivo che qualcuno ne fa risalire il momento cruciale agli anni del Governo del Terrore, instaurato all’epoca della Rivoluzione francese, con il relativo culto votato alla dea Ragione, ancora oggi protettrice del cieco materialismo contemporaneo.” 

 

       MEDITIAMO BENE INSIEME LE PAROLE DEL TRE VOLTE SAGGIO, ERMETE TRISMEGISTO, RIPORTATE IN QUELLO CHE OGNI ERMETISTA KREMMERZIANO DEVE CONSIDERARE COME L’UNICO VERO CORPUS HERMETICUM:

 

“DIO HA DISTRIBUITO LA RAGIONE A TUTTI GLI UOMINI, O TAT, MA NON COSÌ HA FATTO PER L’INTELLETTO. NON CHE PROVASSE SENTIMENTI DI INVIDIA PER ALCUNO (L’INVIDIA INFATTI NON PROVIENE DALL’ALTO, MA SORGE QUI IN BASSO NELL’ANIMO DEGLI UOMINI PRIVI D’INTELLETTO)». «PERCHÉ DUNQUE, O PADRE, DIO NON DISTRIBUÌ L’INTELLETTO A TUTTI GLI UOMINI?». «VOLLE, O FIGLIO, CHE ESSO FOSSE PER LE ANIME COME UN PREMIO DA CONQUISTARE». «E DOVE LO HA POSTO?». «NE HA RIEMPITO UN GRANDE CRATERE, CHE HA INVIATO SULLA TERRA, NOMINANDO PER QUESTO UN MESSAGGERO, CON L’ORDINE DI ANNUNZIARE AI CUORI DEGLI UOMINI QUESTE PAROLE: “IMMERGI TE STESSO, TU CHE LO PUOI, IN QUESTO CRATERE, TU CHE ASPIRI A RISALIRE FINO A COLUI CHE L’HA INVIATO QUAGGIÙ, TU CHE SAI PERCHÉ SEI NATO”. QUANTI DUNQUE SI RADUNARONO AD ASCOLTARE IL MESSAGGERO E SI IMMERSERO NEL CRATERE CONTENENTE L’INTELLETTO, FURONO TUTTI RESI PARTECIPI DELLA CONOSCENZA E DIVENNERO UOMINI PERFETTI, AVENDO RICEVUTO L’INTELLETTO. QUANTI INVECE NON VOLLERO ASCOLTARLO, FURONO DOTATI DI SOLA RAGIONE, NON DI INTELLETTO, IGNORANDO COSÌ PER QUAL FINE SONO NATI E DA CHI. LE SENSAZIONI DI COSTORO SONO SIMILI A QUELLE DEGLI ANIMALI PRIVI DI RAGIONE: IL LORO TEMPERAMENTO È SOGGETTO ALL’IRA E ALLA COLLERA, NON CONTEMPLANO LE COSE DEGNE DI ESSERE AMMIRATE, SONO RIVOLTI UNICAMENTE AI PIACERI E AGLI APPETITI DEL CORPO E CREDONO CHE L’UOMO SIA STATO GENERATO SOLO PER QUESTO. QUANTI INVECE PARTECIPARONO DEL DONO DI DIO, QUESTI, O TAT, QUANDO SI CONFRONTANO CON GLI ALTRI, SONO COME ESSERI IMMORTALI.” dal CORPUS HERMETICUM, DISCORSO DI ERMETE A TAT.

 

“NON LASCIARTI INGANNARE DALLA MENTALITÀ CONTEMPORANEA, PERCHÉ SE È VERO CHE NON ESISTE CONOSCENZA CHE NON COMPORTI DELLE REGOLE DA RISPETTARE, PER QUELLO STESSO MOTIVO NON POTREBBE ESISTERE NESSUNA RELIGIONE, SENZA LA RELATIVA RIVELAZIONE, DI UNA SAPIENZA SACRA, COME NON PUÒ ESISTERE SCIENZA SACRA, SENZA LA REGOLARE TRASMISSIONE DI UNA “TRADIZIONE SAPIENZIALE”.

“RENATO, DIFENDERE, PER QUANTO CI È POSSIBILE, OGNI ESPRESSIONE DEL SACRO, DALLE DEFORMAZIONI DELL’ INDIVIDUALISMO, SFRENATO CONTEMPORANEO, È COMPITO DI OGNI ERMETISTA, IN QUANTO L’ERMETISMO NON RAPPRESENTA NIENTE ALTRO CHE LA STESSA SCIENZA UNIVERSALE TRASMESSA DA DIO AGLI UOMINI.”

 

“OCCORRE CHE NOI ERMETISTI, IN QUANTO CRISTIANI BATTEZZATI E CRESIMATI, – ripete Salvatore Mergè – PREGHIAMO, PERCHÉ LA LUCE PURISSIMA DI MYRIAM, MARIA, MADRE DI MISERICORDIA, ILLUMINI LE GERARCHIE ECCLESIASTICHE, RIMASTEGLI FEDELI IN QUESTI ANNI DI TRIBOLAZIONE, PER LA FEDE E PER LA SCIENZA DI DIO!”

 

       L’Ermetismo e la Religione, allo stato attuale, per la speciale congiuntura storica che stiamo vivendo, che è iniziata da diversi secoli, appaiono separate, ma non dobbiamo lasciarci ingannare e pensare che siano contrarie tra loro, semmai soltanto distinte, come possono essere distinte la polpa e la scorza di un frutto.

 

“Il Mistero – dice Salvatore Mergè - benedice (accarezza) l’ermetismo, come la religione, e di entrambe ne costituisce il nocciolo essenziale, il principio e la sua ragion d’essere, come il seme per il frutto.”

 

“Dal Mistero proviene la benedizione della Chiesa ai credenti, perché la portino con sé, nella loro vita, di tutti i giorni; al Mistero sono rivolte le Preghiere di benedizione degli ermetisti, desiderosi di accostarvisi con tutto se stessi e di parteciparvi con la Luce dello Spirito Santo, come fedeli d’Amore.”

 

“Con l’Amore che Cristo predicava, dicendo “amatevi gli uni gli altri come Io ho amato voi”, rivolgiamo le nostre preghiere oltre che per la nostra anima, anche per i sofferenti ed afflitti, quotidianamente”.

 

“Non dimenticare mai Renato, quello che ti ripeto, tale e quale come a me lo ripeteva il Maestro Kremmerz, GESÙ ci ha insegnato ad amare il prossimo come noi stessi, e a non fare agli altri ciò che non vorresti sia fatto a te, questa è la preparazione che deve avere un ermetista, LA SANTITÀ, PRIMA DI OGNI ALTRA COSA!”

 

“LA FEDE TI DISSE: AMALO. L’AMORE TI RIPETETTE: CREDI. TRA L’AMORE E LA FEDE LA TUA CONFESSIONE FU COMPIUTA.” (dalle Lettere di Giuliano Kremmerz).

 

       L’Ermetismo rappresenta rispetto alla Religione, la catena della ininterrotta trasmissione delle Verità, rivelate dalla “TRADIZIONE SAPIENZIALE” agli Uomini di Luce, essa costituisce con tutti i suoi riti e Preghiere, la scala che conduce l’Anima liberata dai vincoli terreni, alla visione dei cieli superiori e divini.

 

       Ci rivolgiamo a tutti i Fratelli, con l’accorata Preghiera di essere tutti uniti contro il tentativo in corso di estirpare gli emblemi del Sacro dal nostro Mondo, cancellandone riti, preghiere e simboli viventi.

 

       Il cieco materialismo sensista, si accompagna alle melodrammatiche esibizioni di satanismo, per lo più inconsapevole, parodie del Sacro, rappresentate dall’ignoranza dilagante nelle arti contemporanee.

 

       INVOCHIAMO MYRIAM, MARIA, IN QUESTI GIORNI DI TRIBOLAZIONE PER LE ROCCAFORTI DEL SACRO, PERCHÉ DONI A QUESTA UMANITA’ ACCECATA DALLA MATERIALITA’ DEI SENSI, LA LUCE DELL’INTELLETTO; CHE L’INTELLIGENZA DEGLI ESSERI CELESTI UNISCA TUTTI NOI NELL’AMORE FRATERNO UNIVERSALE, DIMENSIONE DELLO SPIRITO.

 

       RITORNIAMO TUTTI A LODARE IL SACRO COME FACEVANO I NOSTRI PADRI, RITROVIAMO LE ANTICHE ABITUDINI LÀ DOVE LE ABBIAMO ABBANDONATE!!!

 

       GRATI DEGLI INSEGNAMENTI LASCIATICI DAL NOSTRO ADORATO E COMPIANTO MAESTRO SALVATORE MERGÈ, CI STRINGIAMO A LUI, RICORDANDO NUOVAMENTE LE SUE PAROLE:

 

“O SOLE DIVINO, ELEVO A TE IL MIO GRAZIE, INCHINANDOMI TRE VOLTE DINANZI AL TUO FOLGORANTE ASPETTO, ADORANDOTI”.

 

“CARISSIMO RENATO, IL MIO MAESTRO GIULIANO KREMMERZ – dice Salvatore Mergè – MI HA INSEGNATO, PRIMA DI OGNI ALTRA COSA, A GUARDARE IL MONDO CON GLI OCCHI DEL CUORE E CON GLI STESSI OCCHI AD ASCOLTARE IL CUORE DEGLI UOMINI; IL MAESTRO GIULIANO KREMMERZ SCRIVEVA E PARLAVA “CON IL CUORE IN GOLA”, COSI AMAVA DIRE, LE SUE OPERE ANDREBBERO LETTE E RILETTE CON UN CUORE PURO E NON MATERIALE, PER ASCOLTARNE L’AMORE INFINITO DA CUI SONO VENUTE ALLA LUCE!”.

 


“COME ERMETISTI KREMMERZIANI - CARISSIMO RENATO – CI PROPONIAMO DI RESTITUIRE AL NOSTRO AMATO MAESTRO GIULIANO KREMMERZ LA DIGNITÀ VILMENTE SOTTRATTAGLI, LASCIANDO TRASPARIRE LA LUCE PURISSIMA DEL SUO INSEGNAMENTO, TESTIMONIANZA VIVA DELLA SAPIENZA CHE SCATURISCE DA UN AMORE INFINITO PER DIO E PER IL PROSSIMO, SAPIENZA CRISTIANA, TRASMESSA NEL CORSO DEI SECOLI A MEZZO DI UOMINI DI LUCE; BELLEZZA CHE PROFUMA DELLA SUA ESSENZA CUORI PURIFICATI DA UNA VITA RETTA, SOVRABBONDANTE DI VIRTÙ, SCANDITA DALLA PREGHIERA E DALLA MEDITAZIONE, CONSACRANDOLI AL SERVIZIO DELL’EVOLUZIONE SPIRITUALE DELL’UMANITÀ.”

“IL PRIMO PROPOSITO DI UN ERMETISTA È QUELLO DI AMARE IL BENE SOPRA OGNI ALTRA COSA, RICERCANDO SENZA SOSTA LA PURIFICAZIONE DELLA MENTE E DEL CORPO, RESTAURANDONE L’UNITÀ IN UN CUORE NON MATERIALE, A MEZZO DELLA PREGHIERA, DELLA MEDITAZIONE SILENZIOSA E DELLE PRESCRIZIONI DI FEDE.

“L'ADEPTO DONA SÉ STESSO AGLI ALTRI, NEL SILENZIO, EGLI, AD IMITAZIONE DELLA CROCE DEL CRISTO, DIVIENE PACE E CONFORTO PER LE AFFLIZIONI, CUI UNA VITA PIENA DI ERRORI SPESSO CONDUCE, È IN QUESTO CHE CONSISTE IL SUO SACRIFICIO QUOTIDIANO, NELLA PREGHIERA.”

“AVVERTO NEL MIO CUORE UN PROFONDO DOLORE, ASSISTENDO AL DILAGARE DI UNA FOLLA DI “ERMETISTI” CONTEMPORANEI ATEI, PER IL DISPREZZO CHE MOSTRANO VERSO IL TESORO SPIRITUALE INCOMMENSURABILE, LASCIATOCI DAL MAESTRO GIULIANO KREMMERZ CON LA MYRIAM.”

“ABBIAMO DAVANTI AGLI OCCHI LE ROVINE DI TUTTE QUELLE ACCADEMIE ERMETICHE CHE, PUR PROCLAMANDOSI KREMMERZIANE, HANNO SOTTOVALUTATO L’IMPORTANZA DELLA FEDE AL PUNTO DI DIMENTICARNE ANCHE LE PRESCRIZIONI PIÙ BASILARI; ESSE HANNO COSÌ DEVIATO DALLA RETTA VIA, COME  INSEGNATA DALLO STESSO MAESTRO KREMMERZ, RAPPRESENTATA DA UNA DEVOZIONE SINCERA VERSO DIO E DAL RISPETTO E TIMORE PER LE SUE LEGGI, COSTITUITE, PER NOI UOMINI, DA PRESCRIZIONI PICCOLE E GRANDI, CONSIGLI E PROIBIZIONI, AMMAESTRAMENTI, PREMI MA ANCHE DA AMMONIZIONI E SACRIFICI; IN QUESTO MODO HANNO INTERROTTO IL “FILO D’ORO” DELLA VERA TRADIZIONE ERMETICA, PROVOCANDO IL RITIRO DA ESSE DELLA SPECIALE GRAZIA, CUSTODITA, COME UN SACRO FUOCO, NEI MILLENNI, DALLA SANTITÀ DI ANTICHI E VENERABILI MAESTRI.”

“SIAMO MOLTO TRISTI PER TUTTI QUEGLI “ERMETISTI”, CHE NON HANNO COMPRESO LE VERITÀ DIVINE, CHE L’AMORE GRANDE HA CERCATO DI IMMETTERE NEI LORO CUORI. NON SEMPRE LA LUCE IMMORTALE RIESCE A RISVEGLIARE GLI UOMINI, ALLORA NON RESTA CHE TRISTEZZA E DOLOROSO RAMMARICO, PER NON AVER COMPRESO CHE TALE DIVINA SAPIENZA ERMETICA, HA CERCATO DI PENETRARE NELLA NOSTRA MENTE ED INSEGNARCI CHE SOLTANTO IN DIO TROVIAMO LA FONTE DI OGNI GIOIA.”

“Concludo il mio testamento spirituale - scrive Salvatore Mergè - ricordando ancora una volta le parole del primo e più grande ermetista di tutti i tempi, nell’unico e vero Corpus Hermeticum, Ermete Trismegisto: - QUEGLI UOMINI DUNQUE CHE VERRANNO DOPO DI NOI, SI LASCERANNO INGANNARE DALLE SOTTIGLIEZZE DEI SOFISTI, SARANNO DISTOLTI DALLA VERA, PURA E SANTA FILOSOFIA. ADORARE LA DIVINITÀ CON CUORE E ANIMO SEMPLICI, VENERARE LE SUE OPERE, RENDER GRAZIA A QUELLA VOLONTÀ CHE, SOLA, È INFINITAMENTE BUONA: QUESTA È LA FILOSOFIA (ERMETICA) NON CONTAMINATA DA ALCUNA CURIOSITÀ. SU CIÒ QUANTO SI È DETTO BASTI.”

 

 

 

 

I Fratelli di Hermes,

veri discepoli di Giuliano Kremmerz.

 

 

(Una precisazione necessaria: “tutto ciò che è scritto tra virgolette ed in rosso, fa parte del Testamento spirituale di Salvatore Mergè.”)

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati.

Accetto i cookie da questo sito.